coloranti-610x300Non allarmatevi in maniera esagerata nel leggere questo articolo, però abbiate la sensibilità di mettere il ferro dietro la porta e non abusarne.

 

Grassi vegetali

 

I grassi vegetali, principalmente trigliceridi, esteri tri-sostituenti la glicerina con diversi rapporti di acidi grassi, si accumulano nelle piante, in gran parte nei semi, e poi vengono estratti dalle industrie perchè possano essere utilizzati nella realizzazione di alimenti, vernici, combustibili e in cosmetica.

Il problema più grande è rappresentato dai grassi vegetali idrogenati artificialmente (operazione tesa a prolungare la conservazione del prodotto) che per legge devono essere indicati obbligatoriamente sull'etichetta (anche se non è obbligatorio esprimere la percentuale di grassi trans e saturi – fattore di rischio per l'induzione di alcune patologie).

 

Bevande + zuccheri raffinati

 

Di quanto sia pericolosa l'aggiunta di zucchero raffinato nella nostra dieta ne abbiamo parlato ieri in questo articolo.

Sotto il nostro mirino ci sono alimenti come lo zabaglione od il bianchetto che noi siciliani usiamo spesso per decorare i pupi con l'uovo. Insomma se c'è tanto zucchero, fatene a meno o mangiatelo una volta ogni tanto, anche perchè di genuino spesso c'è poco o nulla (ormai gli aromi artificiali la fanno da padrone).
 

Dado per brodo


Buono il dadino per preparare il brodo per la pasta, vero?
Però contiene glutammato. Ed il glutammato sembra influenzare la proliferazione di alcuni tumori, rendendo le cellule più mobili e quindi capaci di dare metastasi.

Usatelo con parsimonia.
Il glutammato monosodico, poi, lo trovate anche in alcuni ripieni a base di carne. Si tratta di un esaltatore di sapore ed è indicato in etichetta con la sigla E621.

 

Nitrito di sodio

 

Restando sempre in tema di carne ed insaccati, perchè essi possano essere conservati più a lungo, spesso vengono sposati con dei nitriti. Purtroppo il nitrito è correlato alla presenza di tumori al sangue, cancro al colon, pancreas e cervello.
 

Coloranti


Qui la nota più dolente per me che sono ghiotta di dolciumi e non esco dal supermercato senza averne comprato qualcuno. Purtroppo i coloranti usati per rendere i biscottini e le caramelle (anche i marchi super famosi) più appetibili sono potenzialmente cancerogeni. Li trovate in etichetta sotto le sigle che partono da E100 ed arrivano ad E199.

 

Autore | Viola Dante