Due pakistani sono stati arrestati dalla polizia a Brindisi. Avrebbero violentato un giovane italiano alla stazione ferroviaria cittadina. Si tratta di un 29enne con regolare permesso di soggiorno e di un 28enne con il documento scaduto ma in fase di rinnovo. Dapprima i due avrebbero fatto delle avance alla vittima che attendeva il treno dopo una serata con amici per poi trascinarlo in un vicolo e abusare di lui.

A chiedere aiuto è stata la stessa vittima, che ha chiamato la polizia. I primi a intervenire sono stati gli agenti della sezione Volanti. La vittima ha raccontato di essere stato avvicinato da uno dei due giovani che gli avrebbe fatto le prime avance. Il giovane ha quindi tentato di fuggire. Sarebbe stato seguito fuori dalla stazione e poi spinto in un vicolo buio. Vani i tentativi di resistere alla violenza.

I due pakistani sono poi fuggiti una volta sopraggiunta un'auto che sfrecciava in zona con un lampeggiante acceso. La polizia si è subito posta alla ricerca dei due fuggitivi, mentre il ragazzo è stato soccorso e sottoposto alle cure mediche. Sono state anche visionate le immagini delle telecamere della zona. I due pakistani sono stati trasferiti in carcere.