Una ragazzina di appena 14 anni ha raccontato ai carabinieri di aver subito violenze sessuali da parte del padre per 7 anni. Come racconta la stampa locale, l'uomo, un operaio di 52 anni, è stato arrestato nella provincia di Prato, in Toscana. La vittima è nata in Italia da genitori stranieri. Tutto è cominciato quando la 14enne ha mostrato segni di malessere a scuola. Aveva smesso di frequentare le lezioni da circa tre mesi.

Quando è stato chiaro che non si trattava di una semplice crisi adolescenziale, la ragazzina è stata avvicinata dai carabinieri, che hanno raccolto il suo racconto con l'aiuto di uno psicologo. Lentamente è emerso un quadro estremamente grave, fatto di approcci sessuali e pesanti palpeggiamenti da parte del padre. Racconti che hanno reso necessario allontanare la giovanissima dall'ambiente familiare, perché i carabinieri e gli assistenti sociali hanno messo insieme elementi in base ai quali c'è il forte sospetto che la madre sia succube di un marito e padre padrone.

Quasi sicuramente si era accorta delle attenzioni particolari che l'uomo riservava alla figlia ma non avrebbe avuto il coraggio di denunciarlo e dunque non sarebbe il soggetto più indicato per dare tranquillità alla figlia, nonostante il marito ora sia in carcere.