Blue Sea Land, l’expo internazionale dedicata al meglio dei distretti agroalimentari di Mediterraneo, Africa e Medioriente, ritorna a Mazara del Vallo. Appuntamento dal 4 al 7 ottobre con la settima edizione. Quest’anno, l’appuntamento è dedicato ai Cluster e alle buone pratiche della green e blue economy e della bio-economia.

La cornice di Blue Sea Land sarà quella dei bellissimi vicoli della Kashab di Mazara, cuore del centro storico, che è da sempre un simbolo dell’incontro tra popoli e culture, di scambi di prodotti e merci provenienti da tutto il Mediterraneo.

Proprio qui saranno allestiti alcuni stand dedicati alle prelibatezze e alle eccellenze agroalimentari dei territori coinvolti e delle aziende partner. Sarà un momento di scoperta dei prodotti, ma anche di spettacoli e animazione, con un’esclusiva esperienza multisensoriale nella quale il gusto diventa strumento di dialogo e aggregazione tra popoli e culture diverse.

Blue Sea Land è un percorso all’insegna della diversità di culture e di sapori che caratterizzano il Mediterraneo, l’Africa e il Medioriente, promosso dal Distretto Produttivo della Pesca e Crescita Blu, in collaborazione con la Regione Sicilia e con il patrocinio del ministero degli Esteri, del ministero delle Politiche Agro-alimentari e Forestali e del ministero dello Sviluppo Economico.

Blue Sea Land, non solo agroalimentare

Per l’edizione 2018, Blue Sea Land si avvale di due nuovi main partner: la Repubblica di Tunisia e la Repubblica del Burkina Faso, che rappresenteranno l’Africa Mediterranea e l’Africa Sub-Sahariana. La manifestazione di avvale anche dell’inedita partnership con il Sanlorenzo Mercato di Palermo che, per l’occasione, allestirà in piazza Badiella un villaggio gastronomico con diverse proposte di street food.

Per quanto riguarda i momenti di musica live, si spazia dal rock allo swing: il 4 ottobre appuntamento con i Plug and Play, il 5 ottobre con i Walky Talky, il 6 ottobre con gli Hulabop e il 7 ottobre con i 4 Spazi.

Per tutte le info su Ble Sea Land, clicca qui.