Carla Caiazzo, la donna date alle fiamme il 2 febbraio 2016 dall'ex compagno mentre era incinta di otto mesi, ha fatto la sua prima uscita pubblica, incontrando il ministro della Pubblica istruzione Valeria Fedeli e la senatrice Laura Puppato. Scrive in un post: "È un momento emozionante, semplice, diretto. Il primo passo di un percorso che voglio fare insieme a tutte le donne. 'Io rido ancora' e continuerò a farlo con voi. La vita è bella". Nella foto Carla Caiazzo indossa gli occhiali e abbraccia la Fedeli.

"Io rido ancora" è il nome dell'associazione che ha fondato in risposta alle ultime parole che gli rivolse l'ex: "Vai ora a divertirti con le tue amiche, ridi ancora". Lui è stato condannato a 18 anni di prigione. Una storia, quella di questa coraggiosissima donna, che purtroppo ricorda da vicino quello che sta capitando alla 22enne messinese Ylenia Grazia Bonavera (leggi di seguito).

LEGGI ANCHE:

Ragazza ustionata a Messina, parla l’avvocato del fidanzato

Messina, Ylenia Grazia Bonavera sta bene. Il medico: “Vuole discolpare il fidanzato”

Ylenia Grazia Bonavera dall’ospedale: “Non è stato il mio ragazzo, lui mi ama da morire” VIDEO

Messina: la tremenda storia di Ylenia Grazia Bonavera e dell’ex, Alessio Mantineo, che le ha dato fuoco