Chiede soldi e sesso per restituire lo smartphone smarrito da una giovane donna: così sono scattate le manette per un ventenne residente a Catania, accusato di estorsione. Il giovane è stato arrestato in flagranza di reato dagli agenti del compartimento della polizia postale e delle comunicazioni "Sicilia Orientale.

Nello smartphone della ragazza erano conservati foto e video privati: il ventenne ha creato un falso account su Facebook, tramite il quale ha contattato la proprietaria, proponendole la restituzione del telefono con i contenuti "personali" in cambio di 200 euroAlla richiesta in denaro, inoltre, ha aggiunto alcune proposte di natura sessuale. La ragazza aveva già denunciato lo smarrimento del telefono ed ha presentato un'ulteriore denuncia legata al tentativo di estorsione.

Attraverso le indagini è stato quindi rintracciato il profilo Facebook utilizzato dal ventenne ed organizzato l'incontro per lo scambio, presso la Villa Bellini di Catania: quindi è scattata l'operazione che ha consentito di arrestare l'uomo. Gli agenti hanno assistito allo scambio e sono intervenuti, arrestando il ragazzo, che non ha opposto resistenza ed ha ammesso le sue responsabilità. Adesso si trova agli arresti domiciliari.