Confermato l’iconico evento siciliano.

  • Cous Cous Fest 2021San Vito lo Capo, confermata la nuova edizione.
  • Appuntamento dal 17 al 26 settembre con una pietanza iconica.
  • Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’edizione 2021.

È stata confermato il Cous Cous Fest 2021 di San Vito lo Capo. La 24esima della manifestazione si svolgerà 17 al 26 settembre. Quest’anno i Campionati di cous cous, quello italiano e quello internazionale, saranno ospitati all’interno del Giardino del Santuario. Si tratta di un affascinante e suggestivo giardino mediterraneo alle spalle del Santuario della cittadina, cui si accederà esibendo il Green Pass. Il palco allestito all’interno del Giardino ospiterà anche i cooking show con grandi chef e momenti di approfondimento e intrattenimento con artisti, ospiti e amici del Fest.

Cous Cous Fest 2021: gli eventi

A condurre gli appuntamenti sul palco saranno le due “coppie” formate da Sasà Salvaggio e Sara Castellana, volto di Quelli che il calcio e Rai Sport e quella composta dal conduttore italiano Federico Quaranta e dalla giornalista Marzia Roncacci. Sul palco anche la simpatia di Andy Luotto. Ci saranno due punti per la degustazione del cous cous: uno sulla spiaggia (la Casa del cous cous dal mondo) che proporrà le ricette internazionali; uno all’interno del Giardino del Santuario (la Casa del cous cous di San Vito Lo Capo), con posti a sedere ed accesso con Green pass. Il ticket degustazione ha un costo di 10 euro e comprende una porzione di cous cous a scelta tra le varianti proposte, un bicchiere di vino o una bibita e un caffè. Il villaggio espositivo che metterà in mostra prodotti dell’artigianato e dell’enogastronomia siciliana, sarà invece sul suggestivo lungomare di San Vito lo Capo.

Non tutti lo sanno, ma il cous cous del Maghreb è diventato, nel 2020, Patrimonio Immateriale dell’Unesco. La candidatura del piatto maghrebino all’organizzazione delle Nazioni Unite è stata avanzata congiuntamente da 4 paesi africani: Algeria, Marocco, Mauritania e Tunisia. Il cous cous, per la prima volta, senza dispute sulla paternità di questo piatto comune alle culture dei paesi del Maghreb, ha fatto ritrovare la condivisione e l’armonia tra queste antiche civiltà dove “donne e uomini, giovani e anziani, si identificano in questo piatto considerato il simbolo del vivere insieme”, afferma il documento di candidatura

“Questo riconoscimento mi riempie di gioia – ha spiegato in passato Giuseppe Peraino, sindaco di San Vito lo Capo – perché il cous cous è un piatto storicamente legato a San Vito lo Capo che fa parte, ormai da secoli, della tradizione gastronomica locale. Dal 1997 il Cous Cous Fest lo celebra a livello internazionale, tanto da essere diventato uno dei simboli di San Vito lo Capo nel mondo. Il riconoscimento Unesco, che sottolinea la valenza culturale e di integrazione del cous cous, filosofia che da sempre anima il Cous Cous Fest, sarà lo spunto per l’edizione 2021, che mi auguro sia anche quella della ripartenza e della rinascita”.

Articoli correlati