entra di notte in casa di un uomo e lo violenta nel sonno

Una donna di 28 anni entra di notte in casa di un uomo e lo violenta nel sonno. Protagonista di questa inusuale vicenda è l'americana, di Seattle, Chantae Marie Gilman, 28enne mamma di tre bambini, che nel cuore della notte ha fatto irruzione in casa di un uomo infilandosi nel suo letto.

Entra di notte in casa di un uomo e lo violenta nel sonno

Svegliato da un'insolita presenza accanto a sé, la vittima ha visto la donna sopra di lui mentre lo implorava di avere con lei un rapporto sessuale. E nonostante le continue richieste da parte dell'uomo, la cui identità è sotto protezione, di essere lasciato in pace, la donna si è rifiutata di andarsene, finché lui non è riuscito a liberarsi e a cacciarla dalla propria abitazione. Peccato però che la Gilman abbia continuato incessantemente a bussare alla sua porta rifutando del tutto l'idea di allontanarsi. Così l'uomo, non vedendo altre soluzioni, ha deciso di rivolgersi agli agenti della polizia che, dopo essere intervenuti, lo hanno sottoposto a un test per accertare lo stupro, prelevando dal suo copro tracce di DNA della donna

Il processo

Questo incredibile fatto risale al 2013 ma ancora oggi è in corso il processo contro Chantae Marie Gilman che, dopo aver ammesso di soffrire di disturbi bipolari e psicosi, pur non ricordando nulla di quella notte si è dichiarata colpevole di tentato stupro e scasso, chiedendo di poter patteggiare una condanna a due anni con la libertà vigilata. La sentenza è attesa per il prossimo 19 giugno