La prima fabbrica di caramelle del Sud Italia venne aperta in Sicilia. A Giarre, per essere precisi, sotto l’Etna e di fronte al mare. Siamo nel 1914 e il fondatore fu Santo Finocchiaro.

Rientrato dall’Argentina, decise di avviare, insieme alla moglie, un laboratorio artigianale di caramelle in Corso Italia e fu lui a inventare le caramelle a sigaretta, per le quali ottenne importanti riconoscimenti: la medaglia d’oro all’Esposisione del Lavoro a Milano e a Tripoli.

Fino al 1920 la Fabbrica fu l’unica a produrre in Sicilia pregiati confetti alla mandorla, liquore e cioccolato. A parte una piccola parentesi durante la seconda guerra mondiale, riprese e si ampliò con moderne stampatrici e confezionatrici.

Tra le caramelle più famose, quelle di carrubba, con incarto a raviolo color bianco, per combattere la tosse, le caramelle Candy, le mentine Sanavoce con vitamina C, la cannellina riccia multicolore.

Oggi i locali dell’antica Fabbrica Finocchiaro sono intatti: sono una testimonianza delle novecentesche fabbriche siciliane di caramelle, confetti, confetture, cioccolata e granite. Nel caffè-pasticceria ci sono arredi e cimeli originali, con i tetti alti, decorati da affreschi liberty, spazi divisi da colonne e archi.