È partita nel 2014 l'inchiesta che ha portato oggi al fermo di 8 persone fra Menfi e Sciacca: i carabinieri, negli ultimi anni, si sono concentrati sulle attività criminose del mandamento del Belice e, in particolare, sulla famiglia mafiosa di Menfi. Le riunioni e gli incontri fra le persone coinvolte nell'operazione Opuntia avevano luogo all'interno di auto o casolari di campagna ed erano caratterizzati da rigidi protocolli di sicurezza, ai fini di eludere eventuali attività di controllo investigativo. 

I fermati sono: Vito Bucceri, inteso "Bucittuni", 44 anni, ritenuto il capo della locale famiglia mafiosa; Pellegrino Scirica, 61 anni , medico di base; Tommaso Gulotta, 51 anni; Matteo Mistretta, 31 anni; Vito Riggio, 47 anni; Giuseppe Alesi, 46 anni, e Cosimo Alesi di 51 anni. Tutti di Menfi. Sottoposto a fermo anche Domenico Friscia, 53 anni, di Sciacca.

PER VEDERE LE FOTO, CLICCA SUL PULSANTE IN BASSO
Foto: Giornale di Sicilia