Con il passare delle ore, l'hotel Rigopiano diventa sempre più una tomba. I vigili del fuoco hanno recuperato nella notte all'interno della struttura altri tre corpi senza vita, non ancora identificati, due di sesso femminile e uno di sesso maschile. Il numero delle vittime è stalito a 21, mentre è sceso a 8 quello dei dispersi. Tra i morti c'è anche Stefano Feniello, 28enne originario di Valva (Salerno): «È una notizia che non avrei mai voluto ricevere – dice il sindaco, Vito Falcone – eravamo consci che con il passare dei giorni le possibilità di ritrovarlo in vita diminuivano sempre più, ma la speranza di un miracolo c'è sempre stata. Purtroppo non abbiamo potuto festeggiare il suo ritorno a Valva».

In questi giorni il piccolo comune del Salernitano si è stretto intorno alla famiglia Feniello. Adesso, rimane da fissare la data dei funerali: «Quel giorno – aggiunge il sindaco – proclamerò il lutto cittadino. Non faremo mancare la nostra vicinanza alla famiglia, dimostrata in questi giorni drammatici dalla nostra comunità». «Non ci fermeremo fino a quando non avremo la certezza che non ci sia più nessuno» sotto le macerie o sotto la neve. «Dobbiamo continuare a cercare fino alla fine»: queste le parole del dipartimento della Protezione Civile Luigi D'Angelo. «Si sta scavando nel cuore della struttura – ha aggiunto – nella zona tra le cucine, il bar e la hall. Fino a quando non avremo trovato tutti andremo avanti».

PER VEDERE LE FOTO, CLICCA SUL PULSANTE IN BASSO

gallery