La Polizia di Stato ha eseguito a Palermo la confisca di beni patrimoniali per un valore complessivo di circa 280mila euro, riconducibili ai fratelli Graviano, boss del mandamento mafioso del quartiere Brancaccio. A mandare avanti le indagini, gli uomini della Sezione Patrimoniale dell'Ufficio Misure di Prevenzione della Questura di Palermo. Il provvedimento riguarda il bar "Sofia" di Palermo e la società Az Trasporti, di Campobello di Mazara (Trapani), con una sede a Palermo, in via Salvatore Cappello. 

Le indagini sono partite nel 2009 e si sono concluse nel 2011, con l'imponente operazione denominata "Araba Fenice", che ha rappresentato un momento importante nell'attività di contrasto a Cosa Nostra e ha portato all'arresto di numerosi esponenti di spicco della mafia palermitana, ritenuti a vario titolo responsabili di reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, traffico di sostanze stupefacenti e altro.

PER VEDERE LE FOTO, CLICCA SUL PULSANTE IN BASSO

gallery