Sanzioni per un totale di 4.700 euro e una denuncia in stato di libertà per frode in commercio: questo il bilancio dei controlli in una nota struttura alberghiera di Aci Castello, nel Catanese, eseguito dal personale del commissariato Borgo Ognina della polizia di Stato, Asp di Catania e corpo forestale della Regione Siciliana.

All'interno delle celle frigorifere sono state trovate 16 confezioni di mozzarelle scadute da due giorni, oltre a 10 chili di tonno e quasi 4 chili di vitello sottovuoto privi di tracciabilità. Riscontrate anche irregolarità nei servizi igienici riservati ai dipendenti, nel vano elettrico della cucina, trovati pannelli nel controsoffitto della cucina divelti, altezza dello locale cucina inferiore, in alcuni tratti, a 2,5 metri.

All'esterno è stata trovata una struttura a sostegno di una copertura in plastica, dove è stato rinvenuto un foro di 45 cm, dal quale una bimba è precipitata inseguendo un gatto. L'Asp ha inoltre contestato la presenza di alimenti custoditi in frigo privi di protezione, presenza di mosche, guarnizioni dei frigoriferi poste sotto i piani di lavorazione scollate e usurate.

All'interno di alcune celle di congelamento c'erano oltre 50 chili di alimenti surgelati all’origine (fragole, mozzarelle panate, patate fritte, vegetali, crocchette, olive ascolane, arancini ed altro ancora) non contrassegnati come tali nel menù esposto al pubblico.

PER VEDERE LE FOTO, CLICCA SUL PULSANTE IN BASSO (Fonte: La Sicilia)

gallery