Non si può dire che sia un buon periodo per Antonio Polese, noto come il Boss delle Cerimonie. Il protagonista del famoso programma di Real Time, dopo alcuni problemi di salute che l'hanno colpito a fine ottobre, costringendolo al ricovero in ospedale, deve adesso affrontare la confisca del castello "La Sonrisa", che si trova a Sant'Antonio Abate ed è location di matrimoni e cerimonie. 

Il provvedimento è stato disposto dal tribunale di Torre Annunziata, che ritiene la dimora frutto di abusi edilizi. La moglie di Antonio Polese, Rita, e il fratello Agostino sono stati condannati a un anno di reclusione: l'accusa è di essere responsabili di una lottizzazione abusiva, durata quasi 35 anni, dal 1979 al 2011. Nessuna condanna per don Antonio e il genero Matteo, direttore de La Sonrisa, che non figurano come proprietari della struttura. Pare che i condannati abbiano intenzione di presentare ricorso in appello.

PER VEDERE LE FOTO, CLICCA SUL PULSANTE IN BASSO

gallery