Rocambolesco furto a Palermo. I carabinieri hanno arrestato Alessio Puccio (20 anni) e Gioacchino Terzo (21 anni), accusati di furto aggravato, e denunciato per favoreggiamento e resistenza a pubblico ufficiale F.P.C. I due avevano messo a segno un colpo in via Lancia di Brolo, riuscendo a portare via 10.000 euro tra gioielli, contanti e altro. I militari hanno notato alcuni movimenti sospetti in un'abitazione a piano terra: le barre del cancello d'ingresso erano state forzate. Dalle indagini è emerso che le due persone arrestate avevano messo a segno il colpo e si erano successivamente nascoste in un'altra abitazione, che si trova nella stessa via della casa svaligiata, dove abita la persona denunciata (che era già agli arresti domiciliari).

Quando i carabinieri hanno bussato alla porta del presunto favoreggiatore, ha cercato di prendere tempo, probabilmente per permettere ai due ladri di scappare. I militari, sentendo strani rumori, sono entrati e hanno visto due persone che si calavano su uno de terrazzi dello stabile: nella fuga, hanno gettato via la refurtiva e un piccolo cric. Sono stati fermati da un'altra pattuglia. La refurtiva è stata in parte recuperata e restituita al legittimo proprietario, che nel frattempo era al mare. Dopo la convalida dell'arresto, Puccio è stato sottoposto a obbligo di dimora, Terzo alla presentazione alla polizia giudiziaria. F.P.C. è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

PER VEDERE LE FOTO, CLICCA SUL PULSANTE IN BASSO (Foto: PalermoToday)