I finanzieri di Palermo stanno eseguendo dall'alba di oggi, con la collaborazione dei colleghi di Marsala, 15 provvedimenti di fermo nei confrotni di altrettanti tunisini e italiani, appartenenti a un'associazione a delinquere dedita al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e al contrabbando di tabacchi lavorati esteri. 

In corso anche il sequestro di 10 auto e due imbarcazioni utilizzate per traffici illeciti. I fermi sono stati effettuati nell'ambito dell'operazione "Scorpion Fish", eseguita, tra il gennaio 2017 e oggi, dal Gico di Palermo in sinergia con la compagnia di Marsala. A capo dell'organizzazione vi sarebbe un gruppo di tunisini, con elementi italiani in posizione subordinata.

I traffici avvenivano tra Tunisia e coste del Trapanese, con alcuni veloci fommoni d'altura, capaci di percorrere il tragitto in meno di 4 ore. Venivano trasportate persone in grado di pagare un rilevante costo per la traversata e venivano anche introdotte nel nostro Paese sigarette di contrabbando.

Ecco cosa spiega TgCom24:

Legami con i terroristi – Gli scafisti erano pronti a "svolgere la loro illegale attività anche a favore di soggetti ricercati dalle autorità di polizia tunisine per la commissione di gravi reati o per avere possibili connessioni con formazioni di natura jihadista", confermano le fiamme gialle in una nota. La rete di trafficanti, infatti, aveva in programma il trasporto sulle coste trapanesi, tra gli altri, anche di soggetti pericolosi: un progetto ancora non attuato. Tali soggetti sono in fase di individuazione. Uno di loro temeva, oltre che di essere arrestato dalla polizia tunisina, anche di essere respinto dalle autorità italiane proprio per terrorismo. L'organizzazione chiedeva 2-3mila euro a ogni viaggiatore, con un guadagno fino a 40mila euro per ogni traversata.. Lo scafista e il navigatore erano generalmente ricompensati rispettivamente con 5mila e con 3mila euro. Il denaro raccolto in Tunisia "riforniva" di contanti i promotori dell'associazione criminale, attraverso vere e proprie operazioni di riciclaggio.

PER VEDERE LE FOTO DEI FERMATI, CLICCA SUL PULSANTE IN BASSO (FOTO: GIORNALE DI SICILIA)

gallery