C'è anche l'ex sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa, tra i nove arrestati dell'inchiesta curata dalla Dda della Procura di Caltanissetta per voto di scambio mafioso. Per La Rosa, ex consigliere comunale, e per due esponenti del suo entourage, sono stati disposti i domiciliari. 

Ecco cosa riporta l'Ansa: 

Ad appoggiarlo sarebbero stati il boss di Niscemi, Giancarlo Giugno, e di Gela, Alessandro Barberi. Al centro delle indagini un presunto patto stretto tra il candidato e la mafia per le elezioni amministrative del 2012.

Per i 9 indagati i reati ipotizzati, a vario titolo, sono quelli di associazione mafiosa e voto di scambio. Per quattro di loro l'ordinanza prevede il carcere, per gli altri cinque gli arresti domiciliari.

PER VEDERE LE FOTO, CLICCA SUL PULSANTE IN BASSO

gallery