I giornali ne parlano come il bimbo senza sesso: è il caso del bebè nato a Gela e trasferito adesso al Policlinico di Palermo, il cui genere esatto potrà essere stabilito soltanto in seguito ad esami di laboratorio. La patologia in questione è rara e complessa, non soltanto da un punto di vista medico: ogni cinquemila neonati, infatti, ne nasce uno che presenta genitali esterni femminili e cromosomi maschili, o viceversa. La rarità della malformazione è stata confermata da Michele Palmeri, primario del reparto di Ostetricia e Ginecologia del presidio ospedaliero Vittorio Emanuele

Il piccolo, nato qualche giorno fa con con parto naturale e primogenito di una coppia di trentenni, sta bene: adesso sarà sottoposto ad una serie di cure ormonali specifiche che accompagneranno gli accertamenti, che richiederanno almeno una settimana di tempo.