È stato identificato il cadavere rinvenuto stamattina sulla spiaggia di Spadafora, nel Messinese. Si tratta di una donna di 40 anni rumena, domiciliata a Fondachello di Valdina. A fare la macabra scoperta sono stati alcuni passanti, che hanno visto il corpo sulla riva e hanno lanciato l'allarme. Sul posto, dunque sono intervenuti i carabinieri e il medico legale. Stando ai primi approfondimenti, è probabile che il corpo fosse lì solo da poche ore, poiché non presenta segni di decomposizione.

Dall'ispezione cadaverica non sarebbero emersi segni evidenti di violenza e, secondo la stima del medico legale, la donna potrebbe essere morta circa 16 ore prima del ritrovamento.

Sarà comunque l'autopsia a stabilire cosa abbia provocato la morte della donna. Ufficialmente la vittima era disoccupata, ma non è escluso che facesse la badante o altri lavoretti saltuari nella zona. Il corpo è stato trasferito al Policlinico di Messina. Al momento vengono tenute in considerazione tutte le ipotesi, inclusa la morte per overdose, ma potrebbe essersi anche trattato di un malessere.