L’amore in tutte le sue forme sarà protagonista al museo archeologico Pietro Griffo di Agrigento, naturalmente a San Valentino, nella giornata del 14 febbraio.

La festa degli innamorati sarà spunto per scoprire i reperti archeologici che hanno a che fare con questo sentimento in tutte le sue declinazioni: dall’amore del guerriero per la famiglia, a quello della madre per il figlio, passando attraverso l’amore negato e la seduzione, l’infatuazione e il legame coniugale.

Questi i punti di partenza di “L’amore al tempo degli dei”, una visita guidata da un archeologo in programma dalle ore 12 in poi. Difficile immaginare quali reperti entreranno in gioco. Si potranno scoprire baci appassionati riprodotti su vasi attici fino alla fine del V sec. a.C., così come l’affetto di Enea per Anchise e Ascanio o l’amicizia tra Chille e Patroclo.

E ancora, lo strazio di Orfeo, quando perde Euridice e l’amore non ricambiato di Alceo per la poetessa Saffo, Teseo che libera Andromeda dalle fauci di un mostro marino e Zeus, che si trasforma in toto per sedurre Europa.