MONTALBANO ELICONA (MESSINA) – Il comune di Montalbano Elicona, in provincia di Messina, è già in grande fibrillazione. Già, perché la mirabile cittadina è in gara per conquistare il prestigioso titolo di “Borgo dei Borghi”. La nuova rassegna sarà addirittura trasmessa in prima serata in televisione: appuntamento per sabato 27 ottobre su Rai Tre.

Montalbano Elicona gongola

La nuova edizione è di sicuro prestigio, e a Montalbano Elicona i cittadini sono in trepidante attesa. Il Borgo è stato richiamato dopo la vittoria del 2015, e se la vedrà con altri 59 Borghi. Si preannuncia una grande serata, all’ultimo voto. Va da sé che la vittoria sarà decisa sul filo del rasoio. Il battage mediatico sui social network è già partito in pompa magna, a cominciare dai contenuti pubblicati sulla pagina Facebook ufficiale. Le attività promozionali capitanate dal sindaco Filippo Taranto e da Antonino Sapienza hanno già preso il volo. La straordinaria bellezza dei luoghi storici di Montalbano Elicona, come il Castello Svevo Aragonese, il Borgo Medievale e la parte naturalistica dell’Argimusco, oltre all’ineguagliabile Bosco di Malabotta, sarà inevitabilmente messa in risalto per fare la differenza. La competizione, del resto, conta concorrenti non certo marginali.

Il sindaco Filippo Taranto e l’incaricato Antonino Sapienza hanno spiegato: “Da oggi fino al 27 ottobre invieremo altre due comunicazioni rivolte a tutta la cittadinanza siciliana per illustrare e spiegare nei dettagli le semplici modalità di voto ed i motivi per cui diventa fondamentale bissare il successo del 2015. Invitiamo tutti a mettere in agenda questa importante data e votare in massa, perché questo voto ha un valore assoluto per lo sviluppo di tutto il territorio. Montalbano è un luogo suggestivo, ricco di storia e arte e detiene una bellezza naturalistica unica nel suo genere. Il Borgo è organizzato culturalmente e strutturato nei servizi di accoglienza turistica e si lega in rete con altri siti importanti per proporsi al mercato globale ed al turismo che conta. È un’occasione che unisce tutti e rappresenta la volontà di un immediato riscatto per la crescita della nostra amata Sicilia, una nuova opportunità comunque irripetibile che non possiamo lasciarci sfuggire per l’enorme induzione ed esposizione mediatica in caso di vittoria”.