Montalbano, Il Metodo Catalanotti trama.

  • Torna su Rai1 il Commissario Montalbano della tv, con “Il metodo Catalanotti“.
  • Si tratta del nuovo, attesissimo film, nato dall’omonimo romanzo di Andrea Camilleri.
  • Andrà in onda lunedì 8 marzo, in prima serata: ecco tutte le anticipazioni.

Cresce l’attesa per Il Metodo Catalanotti, il nuovo episodio del Commissario Montalbano. Nato dalla straordinaria penna di Andrea Camilleri e interpretato da Luca Zingaretti, torna dunque protagonista su Rai1 un riuscitissimo personaggio. Appuntamento l’8 marzo con il nuovo episodio tratto dall’omonimo romanzo (Sellerio Editore), per la regia di Alberto Sironi e Luca Zingaretti. Ciò che sicuramente interessa di più è la trama del Metodo Catalanotti, che vi riveleremo a breve. Prima vi sveliamo alcune curiosità. Ad affiancare Luca Zingaretti ci sarà ancora una volta l’amato gruppo di attori che ha reso negli anni Montalbano un vero e proprio cult. Ci saranno Cesare Bocci nei panni di Mimì Augello, Peppino Mazzotta in quelli di Fazio, Angelo Russo nelle vesti dell’agente Catarella e la partecipazione di Sonia Bergamasco nel ruolo di Livia, l’eterna fidanzata di Salvo Montalbano. Adesso è il momento di conoscere la trama.

“Il metodo Catalanotti” trama

Carmelo Catalanotti è stato assassinato con una pugnalata al petto, ma questa ammazzatina, fosse anche solo per la strana compostezza della salma e l’assenza di sangue, presenta subito qualcosa di strano. Presto Montalbano scopre che la vittima era uno strozzino, benché a suo modo “equo” o almeno non particolarmente esoso. Ma Catalanotti non era solo un usuraio, era anzitutto un fervente e originale artista di teatro, anima e fondatore della Trinacriarte, attivissima compagnia di teatro amatoriale di Vigàta. La Trinacriarte non è una semplice filodrammatica, buona parte dei suoi soci sono letteralmente posseduti, quando non addirittura invasati dalla passione per il teatro.

Carmelo Catalanotti era il guru di questo gruppo, un guru che sapeva essere geniale, ma anche crudele e sadico. Tanto che Montalbano si rende conto che proprio nella sua concezione dell’arte tragica e del suo personalissimo e inquietante Metodo è la soluzione del mistero della sua morte. A complicare questo già non facile caso ci si metterà l’incorreggibile Mimì Augello che, nel tentativo di sfuggire al marito cornuto della sua ennesima amante, si imbatterà in un cadavere che stranamente non riuscirà più a ritrovare. Intanto l’arrivo di una nuova giovane collega, interpretata dall’affascinante Greta Scarano, scuote profondamente Montalbano.

Articoli correlati