A partire dal 6 dicembre, con ben due anni di anticipo, si potrà prenotare un biglietto per salire a bordo del celebre Orient Express, il Treno della Dolce Vita, che farà tappa ad Agrigento, tra le meraviglie della Valle dei Templi. La partenza è in programma per il 2024.

Orient Express nella Valle dei Templi

L’Orient Express tornerà sui binari nel 2024, ma è già molto atteso, con il suo mix di lusso e scoperta del territorio. Propone 6 itinerari, dalle Alpi alla Sicilia, con 12 cabine deluxe, ben 18 suite, una suite “La Dolce Vita” e un ristorante, il tutto naturalmente a 5 stelle. Stellare anche il costo dei biglietti, come è facile immaginare: si parte da 2mila euro a persona a notte.

I viaggiatori saranno a bordo di carrozze d’epoca francesi anni Venti della Compagnie Internationale des Wagons-Lits et des grands express européen. Si tratta proprio dei celebri vagoni restaurati del famoso Orient Express. A realizzare l’iniziativa è Arsenale spa, società italiana del settore dell’ospitalità, in collaborazione con Trenitalia (Gruppo FS Italiane).

In tutto si parla di 16mila chilometri di linee ferroviarie da Nord a Sud dell’Italia, attraverso quindici regioni del nostro Paese. Il progetto prende il nome di “Treno della Dolce Vita“, poiché richiama il grande fervore eclettico, artistico e cinematografico legato agli anni del boom economico.

Gli itinerari collegati al territorio della DMO Distretto Turistico Valle dei Templi saranno due: “Sicilia da bere“, cioè un itinerario enologico e gastronomico, e “Sicilia Barocca“.

Grande entusiasmo nel commento di Fabrizio La Gaipa, amministratore del Distretto Turistico, che la definisce “un’iniziativa di altissimo livello che coinvolge le più belle località d’Italia. Saremo pronti e organizzati per offrire la migliore ospitalità ai viaggiatori”.

Foto di Luxury Train ClubLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati