Scandalo Calcio Catania – Una vera e propria bufera si è abbattuta sul Catania: la polizia sta eseguendo sette ordinanze di custodia cautelare nei confronti di alcuni dirigenti che avrebbero comprato delle partite del campionato di serie B che si è appena concluso, al fine di evitare alla squadra la retrocessione.

Tra gli arrestati, che si trovano ai domiciliari, ci sono anche il presidente Antonino Pulvirenti, il suo vice Pablo Cosentino e l'ex direttore sportivo Daniele Delli Carri. A coordinare l'inchiesta è la Direzione distrettuale antimafia di Catania. I dirigenti arrestati sono accusati di frode in competizioni sportive e truffa, a vario titolo: avrebbero comprato le partite, alterato i risultati e lo stesso esito del campionato di calcio.

Agli arresti domiciliari si trovano anche altre quattro persone: due procuratori sportivi e due gestori di scommesse online. Nell'inchiesta non sarebbero indagati appartenenti ad altre società sportive. Sono in corso alcune perquisizioni a Roma, Chieti, Campobasso e Catania.