Il Pistacchio di Raffadali è un famosissimo oro verde di Sicilia. Storicamente il pistacchio è originario delle zone aride dell’Asia centrale e la sua coltivazione in Sicilia venne introdotta da Lucio Vitellio nel 30 d.C.. Secondo il celebre botanico Minà Palumbo, furono gli arabi a intraprenderne la coltivazione, tra IX e XI secoli, diffondendola nei terreni proco profondi e calcarei, tipici delle aree interne collinari.

Non si hanno molte notizie storiche della presenza del pistacchio nel territorio etneo fino al XVIII secolo, quindi secondo alcuni la prima diffusione in Sicilia sarebbe avvenuta proprio nei territori di Agrigento e Caltanissetta, caratterizzati, appunto, da substrati calcarei. I principali poli di produzione del pistacchio dell’isola sono l’Agrigentino e Bronte, nel Catanese.

Dato che numerosi terreni agricoli recensiti nei comuni limitrofi a Raffadali sono coltivati da agricoltori raffadalesi, i prodotti vengono assimilati come di Raffadali. Anche il pistacchio coltivato nelle contrade degli agri di Joppolo, Santa Elisabetta, San Biagio Platani, Sant’Angelo Muxaro, Cianciana, Cattolica Eraclea, Agrigento, Favara, Casteltermini, Racalmuto, Aragona e Santo Stefano Quisquina, si inserisce in questo contesto, andando a rappresentare quello che tipicamente viene identificato come pistacchio di Raffadali.

La storia del Pistacchio di Raffadali

La storia di questo prodotto si intreccia con quella del duca Giovanni Antonio Colonna, ministro delle poste e telecomunicazioni botanico per passione, che fece aggiungere centinaia di piante di pistacchio alle già floride piantagioni già esistenti nei suoi territori di Raffadali e nei comuni limitrofi di Contrada Cinti, da cui si ottenevano dolci che venivano portati a Palermo per allietare le serate della nobiltà palermitana.

Durante i lavori del Congresso Nazionale del pistacchio del 1987, Raffadali è stata definita la piazza principale del mercato e del commercio della tignosella (così viene chiamato in gergo il frutto non sgusciato).

Foto: Pagina Facebook Pistacchio di Raffadali