Momenti di tensione nel corso della puntata di Pomeriggio Cinque andata in onda ieri, mercoledì 11 gennaio. La conduttrice Barbara d'Urso si è trovata in grande difficoltà nel corso dell'intervista a Ylenia Grazia Bonavera, la giovane siciliana aggredita a Messina. La ragazza ha continuato a difendere il fidanzato, Alessio Mantineo, ritenuto attualmente responsabile dell'aggressione: sarebbe stato lui a cercare di bruciarla viva, cospargendola di benzina. Durante la diretta tv, dunque, la madre della giovane ha fatto irruzione in studio, cercando di fermare le riprese. Le due si sono prese vicendevolmente a schiaffi in ospedale.

«Quella sera l'ho incontrato in discoteca e mi ha dato anche dei soldi per divertirmi, ci siamo scambiati baci, abbracci», ha raccontato Ylenia in diretta. Poi, bloccando il tentativo della madre di interrompere il collegamento, ha affermato: «Continuo a parlare e lei ( riferendosi alla madre) – odia Alessio (l'ex fidanzato ndr). Vorrebbe avvocati, comandanti e professionisti per me. Non ci sono prove, dovete credere a me, lui mi amava da morire» ha ribadito. Sul video girato dalle telecamere che avrebbero ripreso il ragazzo che riempiva una tanica di benzina, ha commentato: «Non può essere stata presa per altro? Per riempire il motorino? La verità uscirà». Infine ha confermato che tra i due in passato c'erano stati scontri anche fisici: «Magari uno schiaffo, ma non più di tanto – ha detto – però, anch'io sono molto aggressiva e mia madre questo non lo dice».

La donna ha cercato di zittire la figlia, dando vita a un duro scontro. La lite ha spiazzato la conduttrice, che ha detto:  “È una mamma e vuole proteggerti”. A nulla, però, è servito il richiamo e la D'Urso è stata costretta a ritirare la linea. In seguito, quando l'inviata ha nuovamente chiesto la linea è successo qualcosa di inspiegabile: si sono viste le immagini per un attimo, poi di nuovo nulla. La conduttrice ha spiegato: “La mia inviata ha chiesto la linea, sembra ci sia stato un incidente e che si stesse asciugando del sangue”. A questo punto è andata in onda la pubblicità. Non è noto cosa sia accaduto dopo.