Avrebbero avuto un incontro a sfondo sessuale con dei palpeggiamenti, poi lei avrebbe costretto lui, un ottantenne, a consegnarle la somma complessiva di 7.500 euro, minacciandolo di riferire tutto ai suoi parenti, qualora non avesse pagato.

La donna, una 53enne, è stata condannata per l'ipotesi di reato di estorsione a 3 anni e 5 mesi di reclusione, oltre al pagamento di una multa da 1.200 euro. La sentenza è degl giudice monocratico del tribunale di Sciacca.

I fatti sono avvenuti nel nevembre del 2008. Un'altra donna, per la quale è stata dichiarata la parziale capacità di intendere e di volere, è stata condannata a 3 mesi e 20 giorni e al pagamento di una multa da 900 euro. Secondo l'accusa, quest'ultima avrebbe a sua volta avuto un ruolo nella vicenda, minacciando l'anziano di riferire tutto ai figli.