Ranza e Sciura, cosa si cela dietro questo nome? Si tratta di un tipico prodotto siciliano, in particolare del territorio di Chiusa Sclafani, in provincia di Palermo. Se non ne avete mai sentito parlare, mettetevi comodi: vi presentiamo un delizioso prodotto da forno, una sorta di pizza bianca molto buona.

Cosa è la Ranza e Sciura Siciliana

Questa prelibata pizza siciliana lega il suo nome all’arte siciliana della panificazione e dei prodotti da forno. Un tempo, infatti, si preparava con la ranza, cioè il cruschello, e la sciura, cioè il fiore della farina. Semplice, no?

Il cruschello si ottiene dalla lavorazione della crusca, di cui ha le stesse proprietà (pur presentando una calibratura più fine). Anticamente si era soliti chiamarlo ranza: la ranza, infatti, è la falce con cui si taglia il grano. Questo ingrediente può essere di grano tenero o grano duro.

Il segreto della Ranza e Sciura sta nel suo impasto e nella tecnica di lavorazione, che permette una stratificazione, arricchita dal condimento. A proposito di condimento, si può preparare con cipolle, sarde salate e maggiorana, nonché caciocavallo. La variante più saporita include, invece, salsiccia sbriciolata e salumi.

Come è facile intuire, anche questa pizza siciliana tradizionale, nel tempo, si è arricchita. Siamo certi del fatto che le versioni originali fossero decisamente più semplici e includessero meno prodotti. La creatività di oggi l’ha resa ancora più gustosa. Detto questo, scopriamo come si prepara.

Ricetta della Ranza e Sciura

Ingredienti

  • 1 kg di farina di grano duro;
  • 25 g di lievito di birra;
  • 50 g di caciocavallo grattugiato;
  • 20 g di maggiorana;
  • 5 acciughe sott’olio;
  • Cipolla;
  • Olio extravergine d’oliva;
  • Sale.

Procedimento

  1. Per fare la Ranza e Sciura, dovete anzitutto impastare la farina con il lievito di birra, precedentemente sciolto in poca acqua tiepida.
  2. Aggiungete l’olio e un po’ di sale.
  3. Lavorate fino a rendere l’impasto compatto ed elastico.
  4. Ricavate tre pagnotte e fate lievitare per un tempo sufficiente.
  5. Trascorso questo tempo, stendete le pagnotte con il matterello in sfoglie sottili.
  6. Coprite una teglia di carta da forno.
  7. Sistemate il primo strato e condite con maggiorana, cipolla tagliata a fette e acciughe sott’olio.
  8. Mettetevi sopra la seconda e la terza sfoglia, condite allo stesso modo.
  9. Spolverate in ultimo con formaggio grattugiato.
  10. Riscaldate il forno a 180°C e cuocete per 30 minuti.

Buon appetito! Foto: Frank Z.Licenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati