Eventi speciali e siti aperti in notturna a Palermo.

  • Al via il terzo weekend di RestART, il festival dell’estate palermitana.
  • Le proposte per venerdì 16 e sabato 17 luglio.
  • Tutto quello che c’è da sapere per partecipare e prenotare i biglietti.

Continuano gli appuntamenti del Festival RestART, che fino al 28 agosto apre alcuni dei siti più belli di Palermo e propone numerosi eventi speciali. Venerdì 16 e sabato 17 luglio si aggiungono ai luoghi di visita tre posti speciali: Palazzo Chiaramonte – Steri con il nuovo coinvolgente allestimento della Vucciria di Renato Guttuso, le drammatiche Carceri dei Penitenziati e l’eclettica dimora reale dove soggiornarono Ferdinando e Carolina, la Palazzina Cinese.

Tra gli eventi speciali di RestART vi segnaliamo:

Vi invitiamo a verificare orari e disponibilità sul sito di RestART (cliccando qui) orari e disponibilità.

  • Venerdì alle 21 l’incontro dedicato ai “Mestieri dell’arte” con il Presidente dell’ordine degli architetti Iano Monaco sulla magnifica terrazza di Palazzo Abatellis, che si concluderà con una piccola degustazione di prodotti tipici offerta da InSicilia;
  • L’incontro con Maria Antonietta Spadaro a villa Niscemi, venerdì alle 17,30 ed alle 18,30, che racconterà le incredibili vicende di Charlotte de France e del ritratto che l’ha accompagnata a Palermo per essere definitivamente allestito nella villa;
  • I percorsi di approfondimento della collezione Valsecchi a Palazzo Butera con la guida di storici dell’arte specializzati e la mostra sul boudoir ritrovato di Donna Franca Florio ai 4 pizzi della tonnara Florio all’Arenella.

  • Il vero evento speciale è la possibilità di passeggiare di sera in tanti posti e riscoprire i nostri tesori sotto un’altra luce e con un’atmosfera diversa. Si potrà, ad esempio, entrare nel magnifico chiostro illuminato di S.Giovanni degli Eremiti, andare a scoprire l’esotica Cuba, il sollazzo dei re normanni in notturna o affacciarsi sulla città illuminata dalla cupola di S.Caterina, farsi avvolgere dal bianco di Giacomo Serpotta nei suoi splendidi oratori ed ammirare l’opera ritrovata del figlio Procopio all’oratorio dei Bianchi, così come immergersi nelle storie e nelle sofferenze raccontate dalle incredibili scaffalature del monte dei pegni di palazzo Branciforte e dai graffiti dei prigionieri nelle carceri dell’Inquisizione.
  • A proposito delle Carceri, vi segnaliamo “La notte delle Streghe“, la coinvolgente teatralizzazione che nei prossimi 4 martedì si svolgerà proprio all’interno di quel tragico luogo. Foto: Ralf Steinberger – (CC BY 2.0).

Articoli correlati