Rita Atria, chi era la testimone di giustizia siciliana che si è uccisa una settimana dopo la strage di via D’Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta. Biografia, la sua storia, il drammatico suicidio.

Rita Atria

Rita Atria nasce a Partanna, in provincia di Trapani, il 4 settembre del 1974, da Vito e Giovanna. Il padre pastore, proprietario di 7 ettari coltivati a vite e ulivo, apparteneva a una cosca mafiosa del trapanese. Il fratello Nicola, di 10 anni più grande di Rita, appartiene alla stessa cosca.

Nel 1985 Vito viene ucciso e Nicola medita vendetta, cercando di rintracciare il killer del padre. Viene però a sua volta ucciso, nel 1991, quando ha 27 anni. Piera Aiello, la vedova di Nicola, è presente al momento dell’omicidio: denuncia i due killer e collabora con la polizia, abbattendo la legge dell’omertà. Sotto protezione, viene trasferita a Roma.

È a quel punto che Rita Atria decide di seguire l’esempio della cognata. Si reca in segreto a Marsala e si presenta dall’allora procuratore Paolo Borsellino, rivelandogli tutti i segreti della cosca cui appartengono il padre e il fratello. Inizia a collaborare con Borsellino, figura alla quale si affeziona.

Le sue dichiarazioni portano all’arresto di decine di mafiosi e alla loro condanna. Per questo motivo, riceve minacce e viene trasferita a Roma, sotto protezione e con nuovi documenti. Atria scrive un diario con considerazioni molto personali e sensibili: condanna la cultura mafiosa con forte senso di giustizia e con la speranza che le nuove generazioni possano liberarsi dalla mafia.

Prima di combattere la mafia devi farti un esame di coscienza e poi, dopo aver sconfitto la mafia dentro di te, puoi combatterla nel giro dei tuoi amici. La mafia siamo noi e il nostro modo sbagliato di comportarci”, scrive Rita Adria.

Il suicidio

Nel 1992, anno delle stragi di Capaci e via D’Amelio, dopo l’uccisione del giudice Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino, purtroppo Rita perde ogni speranza. Il suo sogno di riscatto finisce bruscamente e i delitti hanno su lei un impatto devastante: “Quelle bombe in un secondo spazzarono via il mio sogno, perché uccisero coloro che, col loro esempio di coraggio, rappresentavano la speranza di un mondo nuovo, pulito, onesto. Ora tutto è finito”.

Rita Adria si suicida il 31 luglio del 1992, gettandosi dal quinto piano del palazzo dove l’ha nascosta la polizia, in via Amelia a Roma. Non ha ancora compiuto 18 anni. La sua storia diviene emblematica ed è spesso rievocata in teatro, nei libri, nei film. La giovane e la sua storia rappresentano ancora oggi un simbolo della lotta alla mafia e della volontà di riscatto.

Un esempio di come ci si possa affrancare da qualsiasi situazione e del fatto che si possa scegliere di perseguire la strada della legalità, lottando contro i contesti e le mentalità mafiose. A soli 17 anni ha scelto la morte, compiendo un gesto forte ed estremamente drammatico, come segno di protesta contro i soprusi mafiosi e come testimonianza imperitura della volontà di riscatto di un intero popolo.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati