L'assessore regionale Gianluca Micciché si è dimesso dopo lo scandalo emerso in virtù del lavoro de "Le Iene" (leggi qui). "La vicenda dei fratelli Pellegrino, che mi ha profondamente addolorato e turbato, ha assunto una dimensione mediatica che va al di là dei fatti e che consegna un'immagine deformata della mia persona e del mio impegno politico. La situazione che si è determinata non mi consente di continuare con serenità il mio lavoro, per questa ragione e per tutelare la dignità delle istituzioni ho rassegnato le mie dimissioni da assessore al Lavoro e alle Politiche Sociali al presidente della regione", spiega Micciché.

Micciché, a dire il vero, era da tempo al centro di una bufera politica. Prima ancora del servizio de Le Iene, infatti, all'Ars diversi deputati hanno firmato e presentato una mozione di censura, legata soprattutto alla questione dei lavoratori degli ex sportelli multifunzionali. Una mozione di censura che era stata firmata anche da esponenti della maggioranza. Oggi, dopo il secondo video delle Iene, lo stesso Crocetta si era detto "amareggiato".