Un ex medico incaricato del carcere femminile della Giudecca a Venezia ha patteggiato una pena di 18 mesi per molestie a una detenuta. La notizia fa riferimento a un'inchiesta della Procura di Venezia. A fare scattare le indagini fu la denuncia presentata da una detenuta di nazionalità rumena. La donna, oggi 48enne, ha dichiarato di essere stata vittima di molestie sessuali, nella forma di baci e palpeggiamenti, all'interno dell'infermeria del carcere di Venezia da parte del medico incaricato.

Nell'ambito delle stesse indagini è emersa una relazione del medico con un'altra detenuta – in carcere per aver ucciso il marito – durata per lungo tempo e di natura consensuale. Una circostanza che non costituisce reato, ma che porta alla luce i comportamenti contrari al regolamento adottati dal medico le mura dell'istituto di pena. Condotte ascrivibili anche a un altro medico all'epoca dei fatti in servizio alla Giudecca e poi trasferito ad altro incarico. Il dottore aveva una relazione con una reclusa.