Continua a far discutere il terribile caso della turista britannica di 50 anni stuprata dal branco a Sorrento durante il suo soggiorno in un noto hotel della zona. La donna ha ripercorso quei momenti tremendi di fronte agli inquirenti. E dai giornali vengono fuori particolari agghiaccianti.

La vittima ha spiegato che dopo aver bevuto un drink, "corretto" dai suoi aguzzini con la cosiddetta "droga dello stupro", ha perso il controllo di se stessa. In particolare avrebbe detto: "Mi sembrava come se stessi vivendo un sogno, non stesse accadendo a me, mi sentivo smarrita come un bambino ed era la stessa sensazione di quando mio fratello mi veniva a prendere a Roma".

La turista ricorda poi di essere entrata in una stanza adibita a dormitorio: "Era come mi stessero aspettando e a quel punto ho avuto paura e ho capito quello che mi sarebbe successo". A quel punto cerca di andare in contro al "male minore". In preda al panico e in lacrime si rivolge al ragazzo che la sta trattenendo per fargli una richiesta: "Only you, only you, (solo tu)". Lui annuisce mentendo: "Yes, only me". Poi l'incubo.