Ha riaperto il bar di Palermo che il mese scorso è stato chiuso dopo che un cliente aveva trovato una falange nel gelato. La vicenda ha fatto molto scalpore, ricevendo grande eco a livello nazionale. Come riportato dal Giornale di Sicilia, la ripresa delle attività è arrivata dopo la bonifica di alcuni macchinari e in seguito a controlli. I fatti risalgono al mese di maggio, quando un cliente aveva del gelato, portandolo a casa: qui aveva fatto la terribile scoperta, trovando una falange.

È emerso che un dipendente stava preparando il gelato quando probabilmente la mano gli è rimasta incastrata nel macchinario: un colpo netto gli ha mozzato il pezzo di dito. Il lavoratore, in nero, è quindi andato subito in ospedale e i colleghi, invece di gettare il prodotto, hanno pulito il laboratorio e conservato il gelato. Tutto sarebbe accaduto in assenza del titolare. A giugno era stata sospesa l'attività.

Il titolare, adesso, ha effettuato la bonifica e pagato l'ammenda all'Inps per il lavoratore non in regola, quindi ha ottenuto il via libera per la riapertura. Secondo i suoi legali, era assente al momento dell'incidente, quindi non avrebbe potuto prevenire quanto accaduto al cliente.