U sciccareddu è una delle canzoni popolari siciliane più famose. Come alcuni dei canti più famosi dell’isola, non ha una melodia molto allegra e, di fatto, anche il testo è un po’ malinconico. Questo, comunque, non gli ha impedito di essere apprezzatissimo e di entrare a far parte della tradizione folkloristica dell’isola. L’autore è ignoto e nel tempo vi sono stati diversi adattamenti e versioni. Lo sciccareddu, cioè l’asino, ha rivestito in passato una fondamentale importanza per la vita delle comunità.

Per capire il significato di questo canto carico di affetto nei confronti dello sciccareddu morto, bisogna pensare che, un tempo, era l’unico mezzo di trasporto, il solo in grado di attraversare territori impervi, anche con carichi pesanti. Per questo motivo, la perdita dell’animale costituiva per i nuclei familiari un significativo problema.

Esisteranno sicuramente diverse versioni di questa canzone. Sappiamo bene, quando si parla di canzoni popolari, sono state tramandate a lungo tempo anche solo oralmente e la codificazione scritta ha tenuto in considerazione le differenze esistenti da un’area geografica all’altra. Vi riportiamo, dunque, una delle tante versioni.

U sciccareddu Testo

Avia ‘nu sciccareddu
ma veru sapuritu
a mia mi l’ammazzaru,
poveru sceccu miu.

Chi bedda vuci avia,
pareva un gran tenuri
sciccareddu di lu me cori
comu iu t’haiu a scurdari.

E quannu cantava facia:
i-ha, i-ha, i-ha,
sciccareddu di lu me cori
comu iu t’haiu a scurdari.

Quannu ‘ncuntrava un cumpagnu
subito lu ciarava,
e doppu l’arraspava
cu granni cariti.

Chi bedda vuci avia,
pareva un gran tenuri
sciccareddu di lu me cori
comu iu t’haiu a scurdari.

E quannu cantava facia:
i-ha, i-ha, i-ha,
sciccareddu di lu me cori
comu iu t’haiu a scurdari.

Portannulu a bivirari
virennu l’erba vagnata,
lu mussu ‘nzuccaratu
di ‘ntera ‘celu spincia.

Chi bedda vuci avia,
pareva un gran tenuri
sciccareddu di lu me cori
comu iu t’haiu a scurdari.

E quannu cantava facia:
i-ha, i-ha, i-ha,
sciccareddu di lu me cori
comu iu t’haiu a scurdari.