Dalla fine del mese di marzo le giornate si allungheranno e il sonno si accorcerà. Perderemo un’ora di sonno ma guadagneremo un’ora di luce naturale durante la giornata, con conseguente risparmio energetico nelle ore serali. Questo avverrà nella notte fra sabato 28 e domenica 29 marzo, quando bisognerà ricordarsi di spostare le lancette dell'orologio un'ora avanti.

Ma come e perchè nasce l'ora legale?

In Italia l'ora legale è stata introdotta per la prima volta nel 1916, e poi sospesa e ripristinata a più riprese negli anni della Seconda Guerra Mondiale. Venne infine adottata in maniera definitiva con una legge del 1965, in periodo di crisi energetica, ma soltanto nel 1996, con la sua introduzione a livello europeo, ha raggiunto la sua durata attuale: l'inizio è fissato all'ultima domenica di marzo mentre la fine coincide con l'ultima domenica di ottobre.

Lo scopo dell'ora legale è quello di consentire un risparmio energetico grazie al minore utilizzo dell'illuminazione elettrica, inducendo un maggior sfruttamento delle ore di luce che sono solitamente "sprecate" a causa delle abitudini di orario.