La madre si era ammalata di cancro, così lei ha cominciato a fare molta attenzione a una serie di segnali lanciati dal proprio corpo e da quello delle persone amate che le stavano intorno. Ed è stato proprio grazie al suo "occhio clinico" che ha permesso al fidanzato di fare una diagnosi tempestiva della malattia e di salvarsi. Purtroppo, però, ha finito col trascurare se stessa ed è morta.

È molto triste la storia della 31enne Andrea Flint, di Basildon, nel Regno Unito, scomparsa per un tumore al polmone non diagnosticato in tempo. La donna aveva scoperto da qualche mese che il suo fidanzato aveva un cancro ai testicoli: era stata lei a spingerlo a fare dei controlli e lo ha assistito nel corso di tutta la malattia. Andrea però deve essersi concentrata troppo su di lui non facendo caso ai segnali che il suo stesso corpo le lanciava, fino a quando non ha scoperto di avere un cancro ai polmoni. 

Come scrive il "Mirror", la giovane è morta poco dopo le sue nozze. Andrea si era rivolta ai medici poco prima della diagnosi, ma i dottori le avevano detto che era solamente molto stressata. Dopo un secondo controllo ha scoperto di avere la stessa malattia che aveva colpito la madre, solo che nel suo caso la diagnosi non è stata abbastanza tempestiva ed è morta.