023ll Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia.Situazione: permane un sistema nuvoloso sul nostro paese il quale porta ancora molte piogge sia sulle regioni del nord che quelle del sud, al centro temporanee attenuazioni dei fenomeni. Tempo previsto fino alle 24 di oggiNord: molte nubi su tutte le regioni con piogge diffuse e persistenti, piu’ intense, tra Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Le precipitazioni risulteranno nevose al di sopra di 1000-1200 metri mentre sui settori alpini piu’ occidentali e sull’Appennino ligure la quota neve e’ destinata ad abbassarsi fino a 700-900 metri soprattutto verso le ore notturne.
Centro e Sardegna: cielo coperto sulla Sardegna con precipitazioni diffuse ove dal pomeriggio tendenza a graduale attenuazione dei fenomeni ad iniziare dal settore occidentale dell’isola. Nuvolosita’ compatta con piogge o rovesci un po’ su tutte le regioni peninsulari che potranno risultare ancora persistenti al mattino sul basso Lazio. Dal pomeriggio tendenza a generale attenuazione delle precipitazioni ma con spiccata instabilita’ sul Lazio e Abruzzo con ancora rovesci a carattere sparso. In nottata nuove nubi porteranno altre piogge o rovesci sulle coste della Toscana e sul Lazio centro-settentrionale. Sud e Sicilia: tempo ancora fortemente perturbato sia sulle regioni peninsulari che sulla Sicilia. Il maltempo si manifestera’ sottoforma di precipitazioni localmente molto intense, anche temporalesche, sulla Calabria e Basilicata. Piogge diffuse e persistenti sulle altre regioni. Dal pomeriggio ulteriori piogge sulla parte meridionale e centrale della Sicilia.Temperature: in diminuzione sulle regioni del basso versante tirrenico e Sicilia; il lieve aumento sulle regioni centrali. senza variazioni sulle altre zone. Venti: forti sud orientali sulle regioni ioniche; da moderati a forti da Maestrale sulle due isole maggiori; da moderati a forti orientali o nord orientali sulle regioni dell’alto Adriatico e Liguria. Mari: molto agitato il Canale di Sardegna e lo Stretto di Sicilia; agitati i restanti bacini meridionali; molto mossi tutti gli altri mari.

03Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani, martedì 4 febbraioNord: cielo ancora molto nuvoloso o coperto su tutte le regioni con precipitazioni diffuse soprattutto su Lombardia e tra Emilia Romagna e triveneto. I fenomeni saranno presenti anche su Liguria e Piemonte ma in forma piu’ attenuata. nevicate diffuse sulle alpi soprattutto sui settori centro-orientali. Parziale attenuazione delle precipitazioni sui settori occidentali ma con nuove nubi e precipitazioni tra Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta nel tardo pomeriggio ma in successiva nuova attenuazione. Centro e Sardegna: tempo in nuovo peggioramento dapprima sull’isola e tra Toscana e settori settentrionali di Umbria e Marche con piogge da sparse a diffuse. Nel pomeriggio le precipitazioni interesseranno anche il Lazio, il resto dell’Umbria e le zone interne dell’Abruzzo per poi interessare anche le coste adriatiche. in serata migliora sulla Sardegna e sulle regioni tirreniche.
04Sud e Sicilia: ancora moderato maltempo soprattutto sulle regioni ioniche e sulla parte settentrionale sulla Sicilia settentrionale ma con tempo in generale miglioramento. Nella notte nuove piogge sulla Sicilia occidentale e sulle aree tirreniche. Temperature: minime in lieve diminuzione sulle regioni peninsulari ed in aumento su Sardegna e Sicilia; massime in aumento al sud e sulle due isole maggiori ed in lieve diminuzione al centro-nord. Venti: deboli o moderato orientali al nord con rinforzi da nordest su alto Adriatico e Liguria; da moderato a forti occidentali sulle due isole maggiori con tendenza ad attenuarsi e a divenire moderati sudoccidentali sulla Sardegna; forti sudoccidentali sulle regioni ioniche ma in graduale attenuazione; forti sudorientali sulle regioni adriatiche ma con ulteriori rinforzi sulla puglia in graduale attenuazione dalla tarda mattinata-primo pomeriggio; in prevalenza deboli variabili sul resto del territorio con tendenza a divenire deboli occidentali, ma con rinforzi, sulle regioni tirreniche. Mari: agitati o molto agitati lo Jonio e l’Adriatico ma con moto ondoso in graduale attenuazione; da mossi a molto mossi i rimanenti mari.

Peppe Caridi