Dopo aver reso noto che la sua malattia, la retinite pigmentosa, potrebbe essere sconfitta grazie ad un'operazione chirurgica negli Stati Uniti, Annalisa Minetti è stata al centro di molte critiche, poiché accusata di illudere i malati e di aver anche sfruttato la sua "finta cecità" per fare carriera. La cantante e alteta paralimpica ha scelto il salotto di Barbara D'Urso per replicare alle accuse ed ha, tra le altre cose, anche risposto direttamente a Rocco Di Lorenzo, presidente dell'Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani, secondo cui le dichiarazioni della ragazza su possibili cure avrebbero dato false speranze a molti, facendoli cadere in depressione. 

Rocco Di Lorenzo – ha detto Annalisa Minetti – toglie le speranze e questo porta alla depressione. Io ho portato una persona conosciuta in tutto il mondo. Andrea Cusumano è un grande ricercatore che scrive su riviste indicizzate. Di Lorenzo si dovrebbe informare. Io potrei illuminarlo. Io non deprimo i malati, io do loro speranze. Io studio per capire quante possibilità ci sono di migliorare la mia vita. Io studio e non parlo del nulla. Io voglio conoscere, perché se so, vedrò.

La cantante ha anche affermato: "Dovete essere felici dei disabili che reagiscono. La disabilità non è un limite finché c’è la volontà di vivere la vita. La vita è un diritto di tutti. Basta con l’ignoranza dilagante, fate male gratuitamente. Non si fa. Fate male a chi il male ce l’ha già…".

Foto: Perizona