Immagine
[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=_7bhYpBLO8k&list=PL178C63D66F7AF9D2&index=1[/youtube]
Che tristi è mangiari sulu, 
taliare la porta e u muru,
nfurnare pitoni senza l'anciovi… 
 
Ma, m'arresta sulu a pensione, 
un jocu cchiù a scopone, 
curtigghiu e simenza o bar dà stazione… 
 
Agata, tinni isti via da Tindari, 
pp'accumulare i piccioli, e non per ammucciariti… 
Torna cca, jamu a piscari i sauri,
inchimu quattru tavuli, e nni i manciammu cauri… 
 
Ma, nun sinti malo di panza,
penzannu a la lontananza? 
Ti piacinu i santi cchiù da paranza? 
 
Si l'amuri è na cosa gghiotta, 
na tana china i ricotta,
friimu cannoli e canciamu rotta… 
 
Agata, tinni isti via da Tindari, 
pp'accumulare i piccioli, e non per ammucciariti… 
Torna cca, jamu a piscari i sauri,
inchimu quattru tavuli, e nni i manciammu cauri… 
 
Ab libitum sfumando… 
 
 
Trad. 
 
Che triste è mangiare da soli, 
guardare la porta e i muri, 
infornare calzoni alla messinese senza le acciughe…
 
Ma, mi resta ormai solo la pensione, 
non gioco più a scopone, 
spettegolii e semi di zucca al bar della stazione… 
 
Agata, te ne sei andata da Tindari,
per accumulare denaro e non per nasconderti… 
Torna qua! Andremo a pescare i sauri, 
riempiremo quattro tavole e li mangeremo caldi… 
 
Ma non senti mal di pancia, 
pensando alla lontananza? 
Preferisci forse i santi alla paranza? 
 
Se l'amore è una cosa ghiotta, 
una tana piena di ricotta, 
friggiamo cannoli e cambiamo rotta! 
 
Agata, tinni isti via da Tindari, 
pp'accumulare i piccioli, e non per ammucciariti… 
Torna cca, jamu a piscari i sauri,
inchimu quattru tavuli, e nni i manciammu cauri… 
 
Ab libitum sfumando…