Sono tornati in azione a Palermo e le loro vittime sono per lo più anziani. L'appelllativo di banda del contatore deriva dalle loro modalità di azione: staccano la luce del contatore Enel, aspettano che gli inquilini vadano a controllare nel vano scala e poi agiscono. Prima del colpo, effettuano un sopralluogo e studiano orari e movimenti delle future vittime.

L'ultimo colpo è stato messo a segno in via Mariano Stabile, ai danni di due sorelle, di 75 e 79 anni. All'improvviso, le donne si sono ritrovate senza corrente elettrica: la più giovane delle due è andata a controllare il contatore ma, non appena ha aperto l'armadio in legno che racchiude i diversi interruttori, è stata bloccata dai malviventi, che l'hanno minacciata e sono entrati in casa.

I ladri hanno rinchiuso le anziane nel bagno ed hanno setacciato l'appartamento, portando via qualche gioiello, 100 euro e 30 dollari. I rapinatori sono poi fuggiti e le donne hanno potuto dare l'allarme alla polizia: secondo la loro descrizione, i malviventi erano incappucciati ed avevano un accento italiano. Attraverso questa tecnica, la banda del contatore ha già messo a segno altri colpi, anche con bottini più consistenti.