BARRAFRANCA (ENNA) – Arrestato il 21 novembre del 2011, rimase in carcere, sottoposto a custodia cautelare, sino al 26 ottobre 2012. Solo che poi Carmelo Tambè, un giovane incensurato di Barrafranca, in provincia di Enna, che era ritenuto coinvolto in due omicidi, è stato assolto con formula piena. E la sentenza è pure passata in giudicato.

Come rende noto il "Giornale di Sicilia", per tutto questo oggi il suo avvocato, il penalista Gaetano Giunta del foro di Catania, ha presentato una richiesta di risarcimento danni allo Stato. Viene chiesto quasi mezzo milione di euro, più precisamente 497.000 euro, per ingiusta detenzione.