"Bimbi in vendita con lo sconto del 45% perché sono cattivi". Un messaggio indubbiamente di cattivo gusto, accompagnato da una foto agghiacciante, che ritrae i due bambini piccoli con le mani legate e la bocca coperta dal nastro adesivo. Una mamma di Mepmphis pensando di essere divertente, ha pubblicato il post su  Facebook, per poi eliminare il proprio account. 

Nonostante abbia cercato di eliminare le sue tracce, però l'immagine era già stata condivisa e, come si legge sul New York Daily News, notata dalla polizia. Il dipartimento di polizia e i servizi per l'infanzia hanno aperto un'inchiesta, che non ha però ancora portato alla formalizzazione di accuse. 

Un cugino della donna, con un messaggio pubblicato su Facebook, ha provato a ridimensionare la questione, legata ad uno scherzo mai riuscito: "La nostra famiglia e i nostri amici sanno quanto amiamo i nostri bambini, è assurdo giudicare una persona in base a questo singolo evento".