CALTANISSETTA – Violentissima aggressione al pronto soccorso dell’ospedale di Caltanissetta. Un medico e un ausiliario sono stati colpiti a pugni da un paziente, un giovane con precedenti penali. È soltanto l'ennesimo, esecrabile episodio di questo genere. "Continuano le nostre richieste di intervento", dichiara non senza polemica Salvatore Ballacchino, segretario territoriale di Caltanissetta di Fsi – Usae, Federazione sindacati autonomi indipendenti, aderente alla Confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei.

Ballacchino fa notare: "Abbiamo fatto tanto come organizzazione sindacale per sensibilizzare le istituzioni su questa problematica, ma ancora nulla. C’è anche un disegno di legge, n. 2909 'Disposizioni per garantire la sicurezza, l’ordine pubblico e l’incolumità di cittadini e operatori sanitari presso le strutture ospedaliere e i presidi ambulatoriali di guardia medica', presentato su iniziativa del Senatore Antonio Scavone e di altri 16 senatori. Abbiamo denunciato più volte a Procure, Questure, Prefetture, Assessorato regionale della Salute e a Sindaci, la mancanza di sicurezza del personale sanitario nelle strutture sanitarie siciliane. Ribadiamo di volere adesso un intervento dell’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza".