Si chiama Emanuele Aguglia, è di Cerda in provincia di Palermo, ha quasi 30 anni e si è classificato primo assoluto al campionato mondiale pizzaioli. Il giovane siciliano ha trionfato nella competizione riservata "al giusto equilibrio di alimenti sulla pizza", mentre è risultato terzo nella classifica dedicata alla "maturazione e impasto generale".

Il campionato internazionale quest'anno si è svolto il 22 giugno a Cluj Napoca (Romania) ed è stato organizzato dalla Federazione Italiana Pizzaioli nel mondo, con il presidente Giovanni Mento e la delegata per la Romania Iuliana Maria Apa al casinò Centru de Cultura Urbana.

Emanuele Aguglia racconta orgoglioso la sua esperienza e soprattutto qual è il suo delizioso segreto culinario:

Il 16 marzo ho disputato il campionato regionale a Monreale e mi sono classificato primo su 35 partecipanti, acquisendo il diritto di partecipazione a quello mondiale. La mia pizza si chiama Trinacria Cerdese, ha avuto circa un mese di lavorazione per il lievito madre al miele e alla mela. Gli ingredienti con cui ho vinto consistono in due creme distribuite a spirale sulla pizza, una ai carciofi e l'altra più estiva con ciliegino e pistacchio, la pizza è cotta con le creme nel forno per circa 3 minuti a temperature di circa 380° gradi. Poi all'uscita ho decorato con primosale piccante siculo, ciliegino secco, pistacchio a granelli, menta e basilico. L'impasto della pizza è composto da un mix di farina 390, quasi Manitoba, con aggiunta di farina di grano scuro di Tumminia e pane nero di Castelvetrano, antiche farine di grano duro siciliano.