PALERMO – Ha vissuto un incubo durato due giorni il proprietario di Vanda, una Boston Terrier di sei anni, vivace e socievole. Il cane ha rischiato di essere venduto per duecento euro, come racconta LiveSicilia: chi l'aveva trovata, per strada, nel quartiere San Lorenzo, aveva pubblicato un'inserzione su un noto sito di annunci per la compravendita online.

Nell'annuncio si parlava di un "Carlino", con una vaga descrizione. Francesco Fucà, padrone di Vanda, nel frattempo era alla sua ricerca disperata, muovendosi anche attraverso i social network: il cane era scappato dalla sua villetta, ma non aveva fatto ritorno. Le telecamere, però, avevano notato una donna che l'afferrava: "Non sapeva fosse mio – ha detto Fucà a LiveSicilia – ma non si è preoccupata di controllare la presenza o meno del microchip. Ed ha così pensato, in modo molto superficiale, di mettere il mio cane in vendita. Due giorni terribili, in cui mi è venuto a mancare quello che per me è un membro della famiglia".

Proprio attraverso Facebook è arrivata una preziosa segnalazione: sul sito di annunci c'era una foto del cane. Tramite quell'inserzione la polizia è riuscita a risalire alla donna e a riportare a casa Vanda. Una vicenda per fortuna conclusasi con un bel lieto fine.