CATANIA – Nuovo, roboante episodio di violenza ai danni del personale medico del pronto soccorso dell’ospedale "Vittorio Emanuele" di Catania. Un episodio che fa ancora più rumore perché si accoda a quelli già incresciosi di pochi giorni fa. Il padre di un giovane ricoverato dopo un pestaggio ha schiaffeggiato il medico di turno, "reo" a suo dire di aver perso tempo prima di fornire i risultati di un accertamento. 

Per il giovane, ricoverato con un trauma cranico, i medici avevano predisposto 6-8 ore di osservazione. Il padre 60enne, però, non ha voluto sentire ragioni: voleva subito i risultati degli esami. Nemmeno la moglie è riuscita a fermarlo. L'uomo, di corporatura robusta, dunque difficilmente frenabile, ha picchiato prima la moglie stessa, poi il medico. La polizia, arrivata sul posto, lo ha fermato e denunciato per i reati di violenza, minaccia a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio. Il figlio, invece, è stato dimesso nella stessa giornata.