Dopo un anno di indagini la vicenda giudiziaria legata ai cosiddetti ‘Grandi eventi’ e alle spese pazze del Ciapi di Palermo si riaccende con un’ ‘accelerazione’ giudiziaria su politici e burocrati. Su questa storia sarà la magistratura – pubblici ministeri e, con molta probabilità, anche la giudicante – a pronunciarsi (vi abbiamo raccontato qui degli arresti di stamattina). A noi, in questa sede, interessa provare capire qual è stato – e quale continua ad essere, almeno nel turismo – il meccanismo amministrativo che sorregge questa ‘barracca’. E perché, alla fine, questo sistema arriva al mondo della politica.

[Continua la lettura dell’articolo]