Parenti, amici e tanto di fuochi d'artificio per festeggiare i suoi 100 anni. Procopio Di Maggio, ultimo padrino della Cupola di Totò Riina rimasto in libertà, è uno dei mafiosi più longevi al mondo e, lo scorso 6 gennaio, ha organizzato uno spettacolo in grande stile a Cinisi, che non è passato inosservato (considerato anche che si tratta del paese che ha dato i natali a Peppino Impastato).

Come ha spiegato il sindaco Giangiacomo Palazzolo a Repubblica, "Oggi Di Maggio è innocuo, ma questa è una vicenda che mi dà fastidio". E al Gr3 di RadioRai ha aggiunto: "C'era anche un'ordinanza che proibiva di fare giochi di fuoco. Quindi il mafioso Di Maggio che è uomo dei record negativi ne ha un altro quello di aver compiuto un reato a cento anni. È stato sanzionato amministrativamente e denunciato per inosservanza di un atto amministrativo. Il paese non è mafioso, lui ha festeggiato con alcuni parenti in un ristorante 35-40 persone per i fatti suoi".

Su Facebook, le foto della festa, con tanti commenti di auguri. Di Maggio ha un figlio all'ergastolo, mentre un altro è stato ucciso nel settembre del 2002 e ritrovato in mare.

Foto: PalermoToday