Immagine    Sono tanti coloro i quali per colpa della crisi finiscono in totale disperazione; ma sono molti anche quelli che nella crisi trovano fonte di ispirazione. Ecco quindi che artisti di vario genere provano a trarne vantaggio per il loro lavoro o semplicemente per il loro passatempo; tra questi ci sono musicisti, attori o come in questo caso semplici verseggiatori che alla crisi si ispirano per i loro componimenti. Godiamoci allora queste rime satiriche dal titolo: 
 
U DISOCCUPATU
 
 
Mi chiamu Nofriu e sugnu un disgrazziatu
picchì  a curpa di la crisi arristaiu disoccupatu.
 
Cu tri figghi e na muggheri
cchiù nun sacciu comu a fari
e agghiurnannu ogni matina,
‘ntò me cori cc’è na spina.
Vaiu a chiazza, a li canteri,
nenti, mancu a jurnateri;
poi sintennu casi casi 
tutti dicinu “Cc’è crisi”!
 
Haiu un cutugnu ntà lu pettu
e nun trovu cchiù risettu;
sugnu poviru e spardatu
mi finiu puru lu ciatu.
Acqua e luci ma  tagghiaru,
e da casa mi sfrattaru;
arristaiu nuru e cruru,
senza carni e senza broru.
 
Me muggheri mischinedda
duna aiutu puru jidda,
e ringraziu la Maronna;
ca si un fussi pi li corna!